La rinascita della stilografica.

Gli anni '80 videro una rinascita della scrittura con la stilografica, ma non necessariamente nell’uso quotidiano, in quanto veniva ancora usata per scrivere lettere personali, per firmare documenti e come status symbol. Tutto ciò si rifletté in modelli particolari. Le stilografiche divennero sempre più elaborate dal punto di vista della struttura, e furono realizzate serie speciali. Di conseguenza un oggetto di uso comune divenne oggetto da collezionisti.

Nel 1979 con “Signum” fu presentata nuovamente una stilografica realizzata appositamente per un pubblico adulto. Tuttavia solo nel 1982, quando fu presentata la "Souverän M400" una versione rinnovata della 400, Pelikan poté rivivere i suoi passati successi. Da fuori le stilografiche erano identiche. Solo il sistema di alimentazione dell’inchiostro e il meccanismo mostravano lievi differenze.

Di tanto in tanto Pelikan, prendendo in considerazione i gusti del periodo, ha presentato serie di penne caratterizzate da design di moderna concezione e un sistema a cartucce, a parte la classica Souverän con il suo meccanismo a stantuffo.

Così Signum fu seguita, nel 1992, dal modello "New Classic". Nel 2004 fu presentata "Epoch". Nel 2007 "Ductus".

Nel 1993 con l’introduzione del modello “Blue Ocean” Pelikan iniziò a realizzare modelli in edizione limitata con un design straordinario, destinato ai collezionisti ed agli appassionati di strumenti di scrittura raffinati. Queste creazioni, così speciali, furono premiate più volte. All’inizio del 21° secolo, furono realizzate serie di penne in edizione limitata, dedicate ad argomenti particolari, ad esempio "Le sette Meraviglie del Mondo" e "Le conquiste della civiltà".

A prezzo più contenuto, sempre destinate allo stesso pubblico, venne proposta la serie speciale dedicata alle città, cominciata con “Berlino” e “Stoccolma” nel 2002. Come le edizioni limitate anche le edizioni speciali sono prodotte solo per un breve periodo di tempo, senza però essere numerate singolarmente.  L'edizione speciale più recente proposta da Pelikan celebra le "Bellezze delle Natura".

 

Nel 1996, con “Level” Pelikan propose una stilografica con un serbatoio tre volte superiore a quello delle stilografiche tradizionali. Tuttavia questo modello avrebbe dovuto essere riempito usando un flacone di inchiostro speciale e in maniera del tutto inusuale. Non veniva riempita attraverso il pennino, ma da dietro, con un tasto di riempimento, un meccanismo simile al rifornimento degli accendini a gas. I consumatori però non riuscirono ad adattarsi e Pelikan mise fine alla produzione.

Nel 1997 tutta la gamma delle tradizionali stilografiche Pelikan fu rivisitata. La parte superiore del cappuccio fu trasformata, con una nuova forma, il modello 400 fu dotato di un anello decorativo nella parte superiore della penna e due sul cappuccio. Il modello 600 fu leggermente allungato rispetto a quello tradizionale.

Nel 2007 la gamma delle stilografiche classiche raggiunse il massimo della sua espressione con il modello "Majesty". Il serbatoio scanalato in argento Sterling richiama il serbatoio rigato che aveva caratterizzato i modelli da 300 al 1000. Gli elementi tradizionali sono presenti salla parte superiore del cappuccio: l’anello decorativo reinterpreta i fregi murali del 1906 che tuttora decorano le torri dello stabilimento originale di Pelikan, oggi monumento storico. 

Per celebrare il 170° anniversario nel 2008 è stata presentata una versione di “Majesty” impreziosita da tre diamanti in un nido (sul cappuccio), proposta in edizione limitata di solo 170 esemplari. Questa edizione si esaurì immediatamente.

Nel 2010 Pelikan ha lanciato la "Edelstein Ink Collection" (Collezione di inchiostri “pietre preziose”). Grazie a speciali ingredienti questi inchiostri, tuttora prodotti negli stabilimenti vicino ad Hannover, garantiscono una scrittura fluida e con il loro flacone in vetro di alta qualità sono anche una splendida decorazione per qualsiasi scrivania.